23 gennaio 2009

Memoirs.

Caro figliolo ho fallito. Volevo lasciarti un mondo migliore di come l'avevo trovato io, invece sto costatando il fatto che le uniche cose che cambiano sono le date sul calendario.

Adesso sei piccino e come giusto che sia non ti poni domande, vivi la tua bella infanzia giocando e scoprendo sempre cose nuove; ma un giorno ti chiederai il perché la cosiddetta società moderna sia riuscita ad infinocchiarsi con le proprie mani.

La risposta è molto semplice figliolo... ci hanno dato da mangiare le brioches e noi da bravi consumatori, non abbiamo fatto altro che mangiare.

In bocca al lupo figliolo... sappi che faccio il tifo per te e per la tua generazione.

Ogni riferimento a fatti, cose e persone è puramente casuale...un semplice parto di questo pensatore che deve relegare i suoi flussi di pensieri su "carta".

Creative Commons License

3 commenti:

Maraptica ha detto...

Ed è questo pensiero che mi blocca alla maternità... Non so se ho voglia di "creare" un essere in questa fogna. Ciao pensatore

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

giusto l'altro giorno mi stavo sentendo anchio la versione di "imagine" degli a perfect circle.. la colonna sonora ideale per questo post
ciao thinker, continuiamo a fare il tifo per le nuove generazioni!

The_thinker ha detto...

@Maraptica
Facciamo cosi dopo mi dici che ne pensi. Iniziamo a migliorare il microcosmo che ci circonda, poi dopo... quando sarà ora vedrai che la voglia di maternità arriverà da sola. Dire che va tutto male è una gabbia maledettamente seducente, anche se... devo ammettere che bisogna essere dei sognatori incalliti per vedere il lato positivo in questo periodo.

@Marco (Cannibal Kid)
Questa canzone ha un mix di immagini e suoni troppo azzeccate per descrivere la tenebra che mi avvolge in certi momenti. Il tifo per le nuove leve viene fatto a prescindere, ma prima, vediamo di salvare noi stessi da questa malincoparanoia che troppo spesso ci assale.

Ciuazzz a Entrambi, adesso vado che il lavoro mi attende.

Pillole di Disinformazione.

DoS, scritto con la maiuscola al primo e terzo posto, è la sigla di denial of service, letteralmente negazione del servizio. In questo tipo di attacco si cerca di portare il funzionamento di un sistema informatico che fornisce un servizio, ad esempio un sito web, al limite delle prestazioni, lavorando su uno dei parametri d'ingresso, fino a renderlo non più in grado di erogare il servizio. Fonte Wikipedia

Pensierino del Giorno.

"é il Signore che vi manda da noi!!!".
"no, passavamo di qua per caso!"

Tratto da "Lo chiamavano Trinità".

Premi.

Gentilmente omaggiato da Kat.

Gentilmente omaggiato da Kat.

Gentilmente omaggiato da Kat.

Gentilmente omaggiato da Kat.

Lettori fissi

Si è verificato un errore nel gadget