7 ottobre 2008

Life X.


Giorno fortunato per Jack oggi, si si. Solitamente con il tipo di lavoro e con lo stress che ne consegue il tempo da dedicargli è sempre ridotto al lumicino. Jack è il mio bel cagnolone, un pastore tedesco che da quando vivo da solo (sei anni tra 2 settimane) vive tutte le mie vicissitudini nel bene e nel male. In Questo periodo di convivenza con Jack ho instaurato un rapporto simbiotico, non so forse è dovuto dal fatto che da lui non ho pretese ma lui a volte sembra leggermi dentro come un cazzo di libro aperto; Mi fa le coccole quando sono felice e invece mi sprona con il suo abbaiare sommesso e insistente quando mi sento giù, mi sprona come per dire "Ehi bello ancora qui a piangerti addosso, la vita è questo se non l'hai capito". E quindi dato che oggi lo voglio ringraziare per tutto il supporto morale che mi da gli aspetta una bella passeggiata nel parco della città e se tutto va nel verso giusto ci scappata anche una bella chiacchierata con qualche monella. Chissà perché ha percepito subito che c' era baruffa nell'aria infatti si è fiondato da me con fare lemme lemme in stile Jay-Z... non c'è niente da fare il mio cane sta avanti. Mi metto la mia giacchetta da cuccatore prendo lo zaino con i giochini e via si parte per questa passeggiata strameritata da parte di jack e rigenerane per me, ho troppo bisogno di staccare. Infatti appena attraversiamo la strada ed imbrocchiamo il vialone per andare al parco la mia mente si stacca da me e parte per farsi una bella ripassatina di tutto gli eventi che mi sono capitati in questi ultimi mesi.

Ma dato che lassù qualcuno mi ama, appena la mia mente va all'ultimo orgasmo che ricorda con conseguente rilascio di endorfine il telefono inizia a trillare, il primo che si lamenta è proprio jack che con un sibilo anticipa il mio pensiero e cioè "chi cazzo è XD". Con fare lento prendo il telefono, non prima di aver ticcato il culo di una quindicenne per almeno 10 secondi comodi (azz qui stiamo messi male cazzarola). Appena leggo il numero (e siamo al quinto squillo) dico a jack "ehi bello lo sai che per avere questo rotture di coglioni devo proprio aver distorto il flusso spaziotempo di qualche divinità dormiente nell'universo e sai perché??", mi risponde di rimando con uno scodinzolio allegro ed un bel bao bao pieno e vigoroso, quello per intenderci che sta a significare "Dai famme ride chi è"? "Ebbene (e siamo all'ottavo squillo) è il mio capo ufficio"; il mio socio risponde con una mini ringhiata e io giustamente per non disattendere le sue aspettative prendo e appena la chiama termina con fare leggiadro e occhio beffardo spengo il cellulare. Che culo ho appena visto una cagnetta prima di jack faccio appena a tempo a preparami per lo stappo che jack mi propina ogni volta che sente l'odore di un suo simile, l'ultima volta il signorino con i suoi 30 Kg di bontà stava per staccarmi un braccio. Appena jack si tranquillizza ripartiamo con destinazione parco per la gioia di entrambi. La passeggiata scorre tranquilla troppo tranquilla cazzo, io pensavo di trovare un minimo di movimento ed invece alle quattro del pomeriggio le uniche persone che vedo circolare sono i soliti vecchietti che si mantengono in forma e ammazzano la routine con una bella passeggiata; qualcosa vedo ma nulla che attiri la mia attenzione, o quantomeno un qualcosa che attivi il mio testosterone. Fortunatamente appena giro l'angolo mi trovo davanti l'entrata del parco e li devo ammettere che le cose hanno incominciato a girare in maniera più consona alle mie aspettative. Il parco è pieno di vita tra ragazze che giocano a pallavolo, mamme con le loro carrozzine e "fratelli" di jack come per magia a me e il mio compagno di vita le cose sembrano avere un'altro colore adesso. Dopo aver resistito all'ennesimo strattone di jack entriamo nel parco e con un'occhiata grandangolare trovo una bella pianta libera con prato annesso, il luogo ideale per dare un pò di corda a jack.

Dal mio zaino estraggo il frisby di jack, un qualcosa che di circolare ormai ha ben poco ed inizio a far trottare il mio compagnone a quattro zampe. Nel frattempo a mia insaputa una ragazza con uno splendido Collie, talmente curato con una linea snella fiero delle sue capacità...che dire emanava carisma cazzo. Il bello di tutto questo che mentre io cadevo in una sindrome di stendhal canina, mi sono trovato con jack che a momenti mi stende con un calcio volante canino e con questa tipa che mi parla a velocità warp. Mi sposto quel poco che basta per non beccarmi il calcio volante di jack e nel frattempo inizio a mettere a fuoco la tipa che continua non so per quale cazzo di motivo ad inveire nei miei confronti. Inquadro la tipa: 1.65 m per 50 kg non male ci siamo peccato per quella faccia carina ma anonima, non so perché a differenza del suo bellissimo cane non riesce, perlomeno a me, a emanare quel fascino che a volte in maniera inconsapevole fa la differenza. Finita questa disamina sensoriale mi concentro su quello che dice e per non fare lo scorbutico come spesso mi capita inizio la mia discussione con un saluto e annesso sorriso non troppo vistoso altrimenti si incazza... errori passati insegnano.

"Ehi bello avevo visto questo bella pianta prima di te","Come scusa...", "Non far finta di non aver capito sono trenta minuti che io e Raphael cerchiamo un posto dove rilassarci", Rido pensando a come sia strana la vita, per quanto tu possa cercare la tranquillità essa trova sempre un modo bislacco per cambiare le carte in tavola; e dato che oggi non voglia di remare contro corrente per dimostrare a me stesso o a chicche sia che al sottoscritto non si mettono i piedi in testa rispondo con una soluzione talmente banale da spegni ere la nostra infuocata sconosciuta in meno di 3 secondi netti. "Scusa ma non è per fare lo scorbutico ma qui c'è posto abbastanza per far giocare i nostri cani non credi; e per la cronaca non mi chiamo bello mi chiamo Andrea e tu?" come immaginavo l'enfasi assassina della tipa svanisce come un fuoco fatuo e dopo un lungo respiro mi risponde "Scusa Andrea... perdonami ma in questo periodo mi girano altamente e quindi sono come dire un Po irritabile, perdona questo attacco gratuito mi chiamo Francesca". Mi tende la mano sorridente e come per magia vedo quel valore aggiunto che avevo cercato insistentemente, sorrido e rispondo "Che dirti benvenuta tra noi Francesca". La invito con un gesto della mano ad unirsi a me e jack accetta e come per magia iniziamo una bella discussione mentre i nostri due cagnoloni si rincorrono e fanno amicizia. Come è proseguita la discussione tra me e Francesca vi starete chiedendo vero??? Questa è un' altra storia raga.... un'altra storia...


Creative Commons License


Ogni riferimento a fatti, cose e persone è puramente casuale...un semplice parto di questo pensatore che deve relegare i suoi flussi di pensieri su "carta".

2 commenti:

Marco (Cannibal Kid) ha detto...

e così usi il cane per beccare.. io ho due gatti, cazzo! ma tra un pò porterò in giro il mio nipotino che i bambini fanno sempre il loro effetto..

The_thinker ha detto...

Ma LoL cannibal se devo dirla tutta non ho cani in casa (il solito parto mentale del pensatore), ho avuto un gattino quando ero piccolo ma dopo niente più animali in casa del pensatore. Ho letto della lieta venuta in casa tua e anche io concordo sul maggiore fascino dei bimbi rispetto ai cani.
Ciuazzz

Pillole di Disinformazione.

DoS, scritto con la maiuscola al primo e terzo posto, è la sigla di denial of service, letteralmente negazione del servizio. In questo tipo di attacco si cerca di portare il funzionamento di un sistema informatico che fornisce un servizio, ad esempio un sito web, al limite delle prestazioni, lavorando su uno dei parametri d'ingresso, fino a renderlo non più in grado di erogare il servizio. Fonte Wikipedia

Pensierino del Giorno.

"é il Signore che vi manda da noi!!!".
"no, passavamo di qua per caso!"

Tratto da "Lo chiamavano Trinità".

Premi.

Gentilmente omaggiato da Kat.

Gentilmente omaggiato da Kat.

Gentilmente omaggiato da Kat.

Gentilmente omaggiato da Kat.

Lettori fissi

Si è verificato un errore nel gadget