27 maggio 2007

Quelli che al cinema...

Quello che sto per fare non è altro che una carrellata non esaustiva sia chiaro, di "categorie" di persone con le quali ogni giorno il sottoscritto si deve scontrare al cinema. Premettiamo subito che fortunatamente per me il 95% delle persone sono "normali", solo che non si sa per quale arcano motivo, ma ogni volta che la gente entra al cinema è come se un marchingegno malefico e dantesco succhiasse il Q.I della gente, rendendo anche il più insospettabile cliente una possibile minaccia per la quiete dei lavoratori del cinema.

Partiamo subito con quelli che io chiamo i PERSI categoria di persone che entrano al cinema e sembrano che siano caduti dentro ad un incubo, non riescono neanche a trovare la cassa per fare i biglietti... si guardano in giro con gli occhi luccicanti come quelli di un bambino, potrei fissarli per ore semplicemente sublimi.

Altra categoria che mi fa morire dalle risate sono i monelli della categoria IO C'È L'HO DURO entrano a vedere film splatter horror in stile Saw ed escono dopo una mezz'ora bianchi come la carta... mi fanno tenerezza.

Altra categoria che mi fa spataccare dalle risate sono quelli che sbagliano sala, vi citerò due esempi per farmi capire che tipi di personaggi sono, una volta una ragazza mi fece con tono stizzito "Perché perdete tempo a leggere i biglietti...??"-"Sa... a volte la gente sbaglia sala bisogna indirizzarli..."-"Ma dai la gente arriva a fare questo..." "Si capita anche questo"; sbaglio sala anche lei, rimasi senza parole. Un' altro invece entro a vedere Saw 3 usci 15 minuti dopo chiedendomi se era il film di Scamarcio "Ho voglia di te" gli dissi di no come risposta mi fece "ops pensavo che fossero i trailer", come fai a non volergli bene.

Adesso mi fermo perché non ho più voglia di scrivere comunque anche i baristi e i cassieri hanno le loro categorie di utenti bislacchi; la cosa bella è che danno colore al lavoro che faccio anche se a volte vedo cose veramente fuori dal mondo.

Detto questo belli e brutti, vi saluto tutti see ya.


0 commenti:

Pillole di Disinformazione.

DoS, scritto con la maiuscola al primo e terzo posto, è la sigla di denial of service, letteralmente negazione del servizio. In questo tipo di attacco si cerca di portare il funzionamento di un sistema informatico che fornisce un servizio, ad esempio un sito web, al limite delle prestazioni, lavorando su uno dei parametri d'ingresso, fino a renderlo non più in grado di erogare il servizio. Fonte Wikipedia

Pensierino del Giorno.

"é il Signore che vi manda da noi!!!".
"no, passavamo di qua per caso!"

Tratto da "Lo chiamavano Trinità".

Premi.

Gentilmente omaggiato da Kat.

Gentilmente omaggiato da Kat.

Gentilmente omaggiato da Kat.

Gentilmente omaggiato da Kat.

Lettori fissi

Si è verificato un errore nel gadget